Un augurio con parole di poesia

La dirigente Filomena Massaro augura a tutta la comunità scolastica una Pasqua serena pur in questa situazione complessa con le profonde parole del poeta Franco Arminio.

Il molto e il poco

Siamo nei giorni in cui non ci possiamo scambiare
abbracci ma malattie.
Forse qui dobbiamo restare, in questo dolore.
Il dolore va lenito e poi pianto
quando muore alla vita
e non sappiamo dove arriva:
non sappiamo cosa accade nell’invisibile,
non sappiamo se ci portano rancore
i morti inceneriti, non sappiamo
quando si chiuderà questa crepa,
quando ne arriverà un’altra.
Occupiamoci del nostro dolore
e del dolore del mondo,
non per distrazione, per intrattenimento,
il dolore è l’unica pancia che ci può partorire
veramente: il mondo non è di chi nasce,
ma di chi sa rinascere,
cercare chi non c’è,
capire che non siamo qui per restare
nel tempo, ma per attraversarlo.
Non dobbiamo avere fretta di guardare avanti
e neppure l’impazienza di tornare indietro.
E non è un problema se restiamo ancora
un poco fermi, se ne approfittiamo per svuotare
le nostre vite che si erano fatte troppo piene,
troppo esigenti.
Tra il troppo e il poco
ora è molto chiaro che ha ragione il poco,
e non è male qualche felice indugio
in mezzo al mondo,
fino a quando passeremo
dal poco al niente.

Tagged on: ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Note: This post is over a month old. You may want to check later in this blog to see if there is new information relevant to your comment.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.